SENSO DELL’IMPRESA E PROGETTO PERSONALE

PTempo fa mi capitò di leggere in anteprima la bozza del nuovo libro di un amico, Franco Bolelli, dal titolo accattivante e controverso: Con il cuore e con le palle, nuovi modelli maschili, fanciulle, imprese, mondi creativi; e la mia prima domanda a Franco subito dopo aver letto il titolo, probabilmente piuttosto ingenua, fu: “ma cosa c’entrano le fanciulle e i mondi creativi con le imprese, che in genere sono posti piuttosto noiosi?”… La risposta, paziente, di Franco era stata che impresa era qui da intendere, appunto, in senso lato, nel suo significato di gesta, di sfida; lo stesso significato che del resto le aveva già attribuito Ludovico Ariosto nell’apertura del suo Orlando Furioso: ”Le donne, i cavalier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto,…”. Entrambi comunque traemmo, credo, un piccolo vantaggio da questa conversazione surreale: Franco aggiunse a imprese l’aggettivo “eroiche”, giusto per evitare ulteriori fraintendimenti; e io iniziai a pensare all’impresa nel suo doppio significato, di attività economica organizzata ma anche, e forse soprattutto, di sfida personale.  

Oggi avventurarsi nel mondo del lavoro ha sempre più il sapore di un’impresa eroica; se poi a questo si unisce l’intento di realizzare un proprio progetto e di fare, possibilmente, qualcosa che ci piace, la sfida può diventare davvero epica. Tuttavia, praticare l’eroismo e continuare, nonostante tutto, a perseguire i propri sogni è l’unica cosa che ci permette di crescere, di acquistare autonomia e consapevolezza, di scoprire quali sono davvero le nostre potenzialità.

Questa breve premessa per sottolineare tre elementi che sono secondo me fondamentali oggi nel mondo del lavoro, anche se spesso vengono piuttosto trascurati: il valore dell’interpretazione personale, la capacità di essere mediatori di significati, la centralità dei momenti di svolta o di passaggio. L’ultimo in particolare, i momenti di passaggio, è molto poco esplorato nel mondo contemporaneo, anche se è sempre stato un tema centrale in ogni contesto sociale pre-moderno. 

Oggi i percorsi di vita non sono ormai più lineari, complessità e cambiamento sono diventati parte integrante della vita di ognuno, e i “momenti di svolta”, i passaggi da uno stato ad un altro, da una fase di vita ad un’altra, sono vissuti con sempre maggiore difficoltà, perché sovvertono l’ordine quotidiano delle cose e ci spingono a confrontarci con altri punti di vista, a guardare le cose con altri occhi; ma è proprio in questi momenti che si possono aprire nuovi squarci di consapevolezza, vere e proprie “scintille creative” che ci fanno intravedere  possibilità inaspettate. 

Già all’inizio del secolo scorso Arnold Van Gennep aveva per primo sottolineato nelle sue ricerche etnografiche come “la nozione di soglia, che marca e definisce allo stesso tempo sia uno spazio fisico che un momento temporale, in tutte le società stabilisce il passaggio da uno stato sociale ad un altro”. La vita di ogni individuo all’interno di un gruppo sociale è sempre infatti segnata da una serie di riti di passaggio, che implicano il movimento da uno stato sociale ad un altro e mettono in relazione il cambiamento personale individuale con lo status sociale (nascita, pubertà, matrimonio, morte). Nelle società tradizionali elementi rituali accompagnavano la persona in questo percorso e la mantenevano per un breve periodo di tempo sul confine tra i due mondi, caratterizzando questo spazio simbolico “transizionale” come uno spazio sempre marcato da rituali. Secondo Van Gennep, tutti i riti di passaggio, anche se di diversa natura, si dividono sempre in tre fasi: la fase di separazione, la fase liminale e la fase di incorporazione. Nella prima fase di separazione la persona esce dal gruppo e da uno status sociale consolidato e comincia così il suo movimento verso un altro stato; nella terza fase di incorporazione essa rientra nella società con una nuova posizione dopo avere completato il passaggio. La fase liminale, cioè il periodo che intercorre tra questi due stati, si caratterizza invece come un momento di passaggio, di sosta e di attesa, durante il quale non esistono vincoli precisi e obblighi sociali codificati; in qualche modo, in questa fase tutto è possibile. Questo spazio si configura dunque al tempo stesso come un processo personale e sociale di cambiamento, che avviene in una specifica unità spazio-temporale, e come uno stato psicologico specifico, attraverso il quale gli individui acquisiscono progressivamente una nuova autonomia e capacità di auto-determinazione; un processo di cambiamento nel quale il soggetto alla fine ritorna, trasformato internamente e spesso cambiato anche esteriormente, ad occupare un nuovo posto nella società. La fase intermedia, liminale, del margine, è quella più problematica e più interessante, perché è “uno spazio di confine tra due diversi stati che non si caratterizza se non per differenza e che sfugge a ogni rigida classificazione”, dice Van Gennep. Non fa realmente parte né di una fase né di un’altra, spesso è caratterizzata da “una segregazione fisica che è anche sintomo di contaminazione, e viene a volte vissuta come uno stato intermedio tra la vita e la morte”. In Africa Centrale, ad esempio, il luogo in cui i giovani vengono circoncisi viene chiamato “lo spazio dei morti”.  Tuttavia questo spazio si presenta metaforicamente anche come uno spazio creativo, nel quale i normali significati possono essere aggirati e capovolti e una cosa può essere al tempo stesso se stessa e il suo contrario, buona e cattiva, umana e animale, viva e morta, in una sorta di limbo nel quale si possono sperimentare varie possibilità prima di compiere qualsiasi tipo di scelta, rientrando così nella “normalità” dell’ordine sociale. 

In questi momenti che oggi, nella società contemporanea, come sottolinea Victor Turner, tendono a coincidere con la dimensione del lavoro e soprattutto del progetto di vita, assume un’importanza cruciale l’interpretazione personale, da intendere non solo come un elemento performativo ma piuttosto come una soluzione creativa all’interno di un contesto, che permette di interpretare il contesto stesso in modo nuovo. La soluzione creativa che viene dal momento di svolta, un momento in cui come abbiamo visto non si è “né da una parte né dall’altra, e dunque non si è nemmeno del tutto soggetti a regole”, è quindi il risultato di una risposta personale al contesto, di una scelta individuale che richiede, anche, la capacità di elaborare una visione del valore che possono assumere, nel tempo, le proprie azioni. 

PERCORSI DI SVILUPPO PERSONALE IN PROGRAMMI MBA

La realtà della vita di oggi, mutevole, complessa, inframmezzata da frequenti spostamenti in paesi diversi che ci portano a contatto con diverse culture e tradizioni, fa sì che ci troviamo tutti sempre più spesso di fronte alla necessità di affrontare significativi momenti di cambiamento. Si tratta di transizioni verso nuove fasi di vita, scandite da uno stacco nel tempo e nello spazio, molto spesso accompagnate da incertezza, inquietudine, disagio, difficoltà ad immaginare il proprio futuro. In questi “momenti di passaggio” interrogarsi su se stessi, sul proprio passato e sul proprio progetto di vita diventa inevitabile.

Oggi molto più che in passato però, ne sono convinta, abbiamo la possibilità di trasformare i nostri sogni in realtà, e di immaginare progetti di vita autonomi che diano spazio a creatività, relazioni, scoperte, nuovi modi di vivere il rapporto con il lavoro. 

Tuttavia, oggi abbiamo molti contenuti ma pochi contenitori, spazi dove poter scambiare, esprimere, collegare in libertà emozioni, stati d’animo, pensieri.

Trasformare l’incertezza che gli snodi esistenziali inevitabilmente portano con sé in opportunità significa supportare il desiderio delle persone di:

riprogettarsi, reinventando la propria vita personale e professionale in modo autonomo, indipendente, creativo;

imparare ad affrontare cambiamenti frequenti, temporanei, inaspettati, in un ambiente di lavoro internazionale e flessibile;

aprirsi all’incontro con altre culture, dove l’altro, lo sconosciuto, il diverso possono diventare l’occasione per dare spazio allo “sconosciuto che c’è in noi”, riconoscere le nostre parti nascoste, aprirci all’inaspettato.

Intraprendere oggi un percorso di MBA Internazionale Intensive, una scelta che accomuna  un numero sempre maggiore di giovani in tutto il mondo, rappresenta nella vita di ognuno un vero e proprio “momento di passaggio” che va ben al di là dello sviluppo di carriera, coinvolge relazioni personali e stabilità familiare e indirizza l’intero corso della vita futura. 

Partecipare a un MBA Intensive significa infatti rinunciare per un intero anno alla sicurezza legata al proprio abituale stile di vita, lavoro, relazioni, per entrare in una dimensione sospesa, transitoria, in cui ci si prepara ad affrontare nuove sfide, una dimensione in cui le aspettative sono alte e il futuro incerto: un vero e proprio “spazio transizionale” dunque, potenzialmente trasformativo, che innesca un processo di maturazione personale nel quale per entrare in una nuova fase di vita è necessario modificare gli abituali modelli di comportamento, schemi di pensiero, abitudini.

La mia esperienza come Analista nel percorso Personal Development Elective (PDE) che l’IMD di Losanna ha da diversi anni inserito nel suo programma MBA International rappresenta un’opportunità unica per avvicinarsi a un percorso di analisi individuale e Self Experience a supporto della crescita personale in un momento di passaggio così importante per lo sviluppo del sé; un’occasione radicalmente diversa da coaching e mentoring tradizionali finalizzati allo sviluppo di carriera che vengono solitamente offerti nei programmi MBA.

Le sessioni di analisi individuale che il PDE offre si propongono infatti di sviluppare in ognuno dei partecipanti, con un percorso personale di riflessione su se stessi, le proprie potenzialità e le proprie aspettative, autoconsapevolezza e conoscenza di sé attraverso il contenimento e la canalizzazione delle energie psichiche mobilitate durante l’anno di MBA verso un processo di sviluppo significativo e duraturo per:

  • immaginare nuovi progetti di vita e rivedere strategie personali non più sufficienti ad affrontare la nuova realtà
  • guardare all’esperienza di vita di ognuno come a un’occasione di sviluppo di una storia personale unica e singolare
  • aprire una nuova prospettiva per l’educazione manageriale, come una funzione al di là del tempo e dello spazio, un vero e proprio moderno “rito di iniziazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *